ACCEDI AL SERVIZIO

Società e Contratti, Bilancio e Revisione

INDICE DEL NUMERO DI settembre 2021

  • L’aggiornamento 2021 delle Linee guida di Confindustria per la costruzione dei Modelli 231: analisi delle principali novità

    Confindustria ha recentemente pubblicato le nuove “Linee Guida per la costruzione dei Modelli di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231”: tali Linee Guida sono state approvate dal Ministero della Giustizia l’8 giugno 2021 e tengono conto delle novità normative che si sono succedute dal 2014, oltre che dell’evoluzione giurisprudenziale e delle valutazioni sui temi di compliance integrata. Il Documento offre agli enti una serie di indicazioni e misure, essenzialmente tratte dalla pratica aziendale e ritenute in astratto idonee a rispondere alle esigenze delineate dal DLgs. 231/2001.

  • La cessione delle partecipazioni nella snc e nella sas

    Nelle cessioni di quote di società di persone quali sono i confini della responsabilità del cedente e del cessionario? È possibile ed eventualmente con quali metodi limitare la responsabilità dell’acquirente? Cosa succede se la cessione avviene senza il consenso dei soci che non hanno partecipato all’atto? A questi ed altri problemi gli autori proveranno a fornire risposte ragionate nel lavoro che segue.

  • La disciplina generale del patto di opzione

    Il patto di opzione si distingue per la natura di negozio preparatorio e per il meccanismo negoziale a formazione progressiva che ne permettono la caratteristica duttilità. La disciplina codicistica, di fatto limitata ad un’unica norma, è stata nel tempo integrata dalla dottrina e dalla giurisprudenza, le quali hanno contribuito a mantenere l’assoluta contemporaneità di questo istituto che trova ampia applicazione nella prassi. Nel presente lavoro si ripercorrono la struttura, gli elementi e le vicende della fattispecie.

  • L’intervento del tribunale nella nomina del sindaco o del revisore nelle srl: misura adeguata o vuoto normativo?

    Nelle srl, il quinto comma dell’art. 2477 c.c., recentemente emendato dal Codice della crisi, che chiama il Tribunale a nominare l’organo di controllo o il revisore nel caso di inerzia dell’assemblea, è oggetto delle prime pronunce giurisprudenziali, pronunce che evidenziano alcune criticità della previsione. La sentenza che si annota, da parte del Tribunale di Milano, pur aderente allo stretto dettato normativo si pone, peraltro, in aperto contrasto con una recente pronuncia, sullo stesso tema, del Tribunale di Torino.

  • Gli aspetti organizzativi per la redazione del primo bilancio consolidato

    In presenza di gruppi aziendali, al sussistere di determinate condizioni, occorre procedere alla redazione del bilancio consolidato. L’organizzazione del processo che porta alla sua stesura può rilevarsi più o meno complessa a seconda dei legami partecipativi presenti nel gruppo (partecipazioni dirette, indirette, reciproche, ecc.), della sua articolazione (gruppo a cascata, a struttura semplice, a struttura complessa, ecc.), della sua dimensione e della sua estensione (nazionale o internazionale). Una corretta organizzazione delle differenti fasi che portano alla redazione del bilancio consolidato, sempre importante, diventa imprescindibile nel caso di primo consolidamento, ovvero nel caso di un gruppo che per la prima volta è chiamato a redigere il bilancio di gruppo. In questo caso, da un lato occorre definire ruoli e tempistiche del processo di consolidamento, dall’altro occorre prendere un elevato numero di decisioni destinate ad influenzare non solo il primo bilancio consolidato, ma anche i bilanci degli esercizi successivi. Alla luce di quanto sintetizzato, nel prosieguo dell’articolo vengono analizzati i seguenti aspetti: definizione di alcuni aspetti preliminari; fasi tipiche di lavoro; strumenti a supporto del processo di redazione del bilancio consolidato.

  • La revisione dei bilanci 2021: è tempo di planning

    La fase di pianificazione riveste un ruolo cruciale nel perimetro delle attività del revisore, che proprio in questo periodo dell’anno è chiamato ad effettuare una serie di valutazioni ed analisi al fine di compiere un’attenta ed esaustiva individuazione e valutazione dei rischi, concentrandosi sia su quelli impattanti sul bilancio nel suo complesso che su quelli circoscritti invece alle singole asserzioni di voci di bilancio, in conformità alle prescrizioni dei principi di revisione. Attraverso una declinazione pratico-operativa di tale cruciale step all’interno del workflow della revisione, il presente contributo si concentrerà sugli aspetti rilevanti della fase di pianificazione, prestando debita attenzione alle peculiarità degli incarichi relativi ai bilanci dell’esercizio 2021.

  • La revoca del revisore negli enti locali: criticità e soluzioni proposte dall’Osservatorio sulla finanza e la contabilità degli enti locali

    Il rapporto tra ente locale e organo di revisione si inquadra all’interno di un più ampio e non sempre facile rapporto che investe controllore e controllato. Il presente contributo cerca di ricostruire l’attuale contesto normativo evidenziando, alla luce dell’orientamento dell’Osservatorio sulla finanza e la contabilità degli enti locali presso il Ministero dell’Interno, le varie disposizioni oggi previste con le lacune presenti, cercando di fornire un più organico quadro applicativo, tenendo conto anche dell’atto di indirizzo che l’organismo richiamato (previsto dal DLgs. 267/2000) individua e suggerisce.

  • Età pensionabile e calcoli pensionistici per iscritti alla Cassa Dottori e Ragionieri

    Quando scattano i limiti per la pensione di vecchiaia per i dottori commercialisti? E per i ragionieri? Quando è possibile accedere alla pensione anticipata per gli uni e per gli altri? Entro quando va formulata la relativa domanda? Come venivano calcolate le pensioni con il sistema reddituale? E come oggi vengono capitalizzati i contributi versati con il metodo contributivo? Quale percentuale del contributo integrativo determina un incremento pensionistico? È conveniente aumentare la percentuale del contributo soggettivo per dottori commercialisti e ragionieri? A questi ed altri quesiti si proverà a fornire risposte concrete nell’ambito del presente lavoro.

  • Rassegna di giurisprudenza: Società Obbligazioni e Contratti

  • Rassegna di giurisprudenza: Diritto penale commerciale

  •  
SCBR
Rivista registrata al Tribunale di Torino n. 6 del 17/03/2013
X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.